2958182100_58c14f5903_z

Gossen Lunasix 3 (usato)

Sku: Lunasix 3

Descrizione breve

E’ il mio compagno di viaggio abituale insieme alla Rolleiflex. Benché quest’ultima disponga di esposimetro al selenio ancora funzionante, infatti, preferisco usare un’unità esterna specie a beneficio delle situazioni di scarsa luminosità (dove la cellula al selenio è meno sensibile).

Il Gossen Lunasix 3 è un esposimetro analogico, il cui nome deriva dal fatto di poter leggere tutte le tipologie di luce inclusa quella della Luna più pallida. Questa caratteristica gli permette di tenere tranquillamente il passo anche con le più moderne unità.

Fu introdotto nel 1966 ed utilizza una cellula esposimetrica al solfuro di Cadimio (CdS), meno raffinata del silicio (o del GaAS) più comunemente usato, ma comunque perfettamente fungibile.

La cellula è molto sensibile onde rispondere anche alle condizioni di luce più ridotte (come detto). Per questo motivo, nelle situazioni luminose, le viene anteposto un filtro ND con attenuazione di 6 stop azionato dal pulsante di accensione (vedi sotto).

L’apparecchio è ovviamente alimentato a pile, e qui occorre aprire una parentesi.

Il Gossen utilizzava pile PX 625 al Mercurio da 1.35V, che sono state tolte al mercato un paio di decenni fa perché dannose per l’ambiente. Le moderne PX 625 hanno un voltaggio più elevato e portano a letture errate. Esistono varie soluzioni, come descritto in questo articolo. Io ho acquistato l’apparecchio già tarato per le moderne PX625;

L’utilizzo del Gossen Lunasx 3 è piuttosto intuitivo.

  1. Settare la sensibilità ISO, ruotando la parte centrale della ghiera circolare.
  2. Premere il pulsante a bilanciere sul lato destro dell’apparecchio per avviare la misurazione. Va premuto all’indietro per le situazioni luminose, e in avanti per quelle più buie.
  3. Attendere che l’ago abbia smesso di muoversi, e riportare l’interruttore nella posizione centrale per blocccare la lettura. L’ago indica un valore.
  4. Ruotare la ghiera circolare in modo da far corrispondere questo valore con il triangolino giallo in basso (che, nella foto di inizio post, punta il valore 15).
  5. La parte alta della predetta ghiera mostrerà le relative combinazioni tempo-diaframma. I valori preceduti da apostrofo si intendono frazioni, quindi <<‘125>> è <<1/125>>.
  6. In basso, la finestrella LW/EV indica anche il valore di di EV (Exposure Value) corrispondente.

Il Gossen Lunasix 3 può essere usato sia per rilevare la luce riflessa (e in questo caso la copertura in plastica frontale va fatta slittare ai lati) oppure luce incidente (e in questo caso la copertura in plastica va posta in posizione centrale).

Per la misurazione in luce riflessa, l’esposimetro “vede” una porzione di scena circolare con angolo di 30°, che è grossomodo iscritta nell’area inquadrata da un’ottica 90mm nel formato 35mm

Only 1 left in stock

Quantità

€90.00

Top